SCONTRINO ELETTRONICO: come funziona?

Il 1° gennaio 2020 sono entrate in vigore le disposizioni che regolano la memorizzazione e la trasmissione telematica dei corrispettivi.

L'obbligo, già decorso a luglio 2019 per i soggetti con volume d’affari superiore a 400.000 euro, ha segnato l'inizio del 2020  per tutti i soggetti, anche quelli con volume d'affari inferiore a 400.000 euro.

A chi è rivolto l'obbligo?

I nuovi adempimenti interessano tutti coloro i quali hanno la possibilità di emettere scontrini o ricevute fiscali per certificare i propri incassi. 
Sono inclusi anche coloro i quali hanno adottato il regime forfettario (anche se non tenuti ad adempiere agli obblighi della fatturazione elettronica). Restano esclusi, invece, gli e-commerce.


I corrispettivi elettronici, quindi, permettono ai commercianti di sostituire scontrino fiscale, ricevuta fiscale e registro corrispettivi. Questi documenti non sono più obbligatori a partire dal 2020.

Come adempiere alla trasmissione elettronica?

Il documento commerciale che sostituirà scontrini e ricevute fiscali potrà essere emesso esclusivamente utilizzando un registratore telematico (RT) o attraverso la procedura web messa a disposizione gratuitamente dall’Agenzia delle entrate.
È necessario munirsi di un registratore telematico (RT) o di adottare un adeguamento al proprio registratore di cassa in modo tale che sia in grado di:

  • connettersi ad internet;
  • produrre il documento commerciale da consegnare ai clienti;
  • memorizzare in modo sicuro il corrispettivo;
  • trasmettere telematicamente il tracciato XML all’Agenzia delle Entrate.

Al momento della chiusura giornaliera di cassa il RT, in automatico predispone e sigilla il file XML con i dati complessivi dei corrispettivi della giornata e lo invia alla Agenzia delle Entrate.

È possibile utilizzare il registratore telematico senza la connessione a internet durante la giornata e connetterlo solo al momento della chiusura e invio. Al momento della chiusura giornaliera di cassa l'RT, in automatico, predispone e sigilla il file XML con i dati complessivi dei corrispettivi della giornata e li invia alla Agenzia delle Entrate.

A seconda delle esigenze del commerciante, è a disposizione la procedura web predisposta dall’Agenzia delle entrate. Quest'ultima potrà essere usata unicamente o simultaneamente all'RT: sarà il sistema dell’Agenzia delle entrate poi a sommare i corrispettivi pervenuti dall’RT e quelli registrati con la procedura web. 


CREDITO DI IMPOSTA per l'acquisto o l'adeguamento del registratore telematico 

Al fine di agevolare l'acquisto del nuovo registratore di cassa è previsto un credito di imposta scomputabile direttamente dal modello F24 pari al 50% del costo del registratore, con un massimo di 250 euro in caso di acquisto o di 50 euro in caso di adeguamento del vecchio registratore. Il credito può essere utilizzato in compensazione a decorrere dalla prima liquidazione periodica dell’Iva, successiva al mese in cui è stata registrata la fattura relativa all’acquisto o all’adattamento. 

Per il consumatore cambia poco: non riceverà più uno scontrino o una ricevuta ma un documento commerciale che non ha valore fiscale ma che potrà essere conservato come garanzia del bene o del servizio pagato.

Nonostante l'obbligo sia in vigore a partire dal 1° gennaio 2020, le sanzioni non saranno previste prima di luglio 2020. 

I nostri professionisti restano a disposizione per qualsiasi chiarimento o esigenza specifica a riguardo.

Letto 414 volte

Officina del Business

STUDIO CLARUS per mezzo e con il supporto dell’INCUBATORE D’IMPRESA di CHIE_RETE, è in grado di supportare in tutte le fasi, le idee imprenditoriali e le Startup meritevoli di attrarre interesse.
L’esperienza interdisciplinare che contraddistingue il Team di STUDIO CLARUS, è a disposizione di tutti coloro che hanno la volontà di far decollare le loro idee.

Leggi Tutto

Lavora con noi

STUDIO CLARUS grazie ad un ambiente multidisciplinare, è in grado di offrire uno stage curriculare di indubbio valore; il nostro obiettivo è generare un vero e proprio Training On The Job che costituirà un’occasione di conoscenza diretta delle attività e delle dinamiche tipiche del nostro settore.

Leggi Tutto

Newsletter

Iscriviti

Studio Clarus usa i dati che fornisci al solo scopo di informarti su servizi, novità ed eventi nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 “GDPR”.