LA "MANOVRINA FISCALE": QUALI NOVITA'?

Il 24 aprile il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge n. 50/2017, in materia di finanza pubblica,  che nella stessa data è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale con entrata in vigore il giorno stesso.

Quali sono le novità introdotte?

Il decreto interviene su una molteplicità di materie e le novità introdotte riguardano la normativa sulla compensazione IVA e delle altre imposte nel modello F24, lo split payment (pagamenti divisi) dell’IVA, il regime fiscale delle locazioni brevi, l’aumento della tassazione su accise e giochi, la programmazione dell’aumento delle aliquote IVA e l’estensione della rottamazione delle cartelle Equitalia per le liti con l’Agenzia delle Entrate.

Aumenti dell’Iva e accise benzina

A partire dal 2018 sono previsti aumenti delle aliquote IVA, in particolare:

- per l’aliquota intermedia del 10%, si prevede un aumento di 1.5 punti percentuali a partire dal 1°gennaio 2018 e di ulteriori 0.5 punti percentuali a decorrere dal 1°gennaio 2019, fino ad arrivare al 13% nel 2020.

-per l’aliquota del 22%, invece, è previsto un aumento di 0.4 punti percentuali dal 1°gennaio 2019, per poi passare ad una riduzione di 0,5 punti nel 2020 e arrivare a un’aliquota del 25% nel 2021.

Per quanto concerne le accise sulla benzina, il DL 50/2017 rimanda gli aumenti al 2019.

Regime fiscali per le locazioni brevi

Per locazioni brevi si intendono i contratti di locazioni di immobili ad uso abitativo di durata non superiore ai 30 giorni. L’articolo 4 del decreto prevede che ’’a decorrere dal 1° giugno 2017, ai redditi derivanti da locazioni brevi, si applicano le disposizioni relative alla cedolare secca di cui all’articolo 3 del D. Lgs. 23/2011, con aliquota al 21% in caso di opzione”.  E' il caso dei tanto disussi affiti di Airbnb, ad esempio.

Contrasto all’evasione fiscale

Nella manovra sono state introdotte novità rilevanti in materia di split payment per servizi prestati da liberi professionisti nei confronti di pubbliche amministrazioni che in sede di fatturazione subiscono una ritenuta d’imposta: a partire dal 1° luglio, infatti, l’ambito di applicazione dello split payment, ovvero la scissione dei pagamenti Iva , verrà esteso anche a quest’ultimi. Tuttavia, si attende un decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze  entro il 23 maggio 2017 in cui verranno individuati i soggetti, nello specifico.

Detrazione dell’IVA

L’articolo 2 del decreto, dispone modifiche all’esercizio del diritto alla detrazione IVA a credito sugli acquisti. Prima della manovra tale diritto poteva essere esercitato entro il secondo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione IVA, relativa al periodo d’imposta considerato. Con l’entrata in vigore del DL 50/2017 “il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo”. 

Compensazioni di imposta

La novità introdotta dall’articolo 3 riguarda la riduzione da 15 mila a 5 mila euro della soglia al di sopra della quale l’utilizzo in compensazione dei crediti comporta l’apposizione del visto di conformità del professionista. La riduzione colpisce i crediti relativi all’IVA, alle imposte sui redditi, alle ritenute, alle imposte sostitutive e all’Irap. Nel caso in cui la compensazione venga effettuata in assenza di visto di conformità o risulti apposto da un soggetto non abilitato, oltre ad essere applicate le relative sanzioni, l’ufficio procede al recupero dei crediti utilizzati in difformità delle regole  ed i relativi interessi. Inoltre i titolari di partita IVA dovranno inviare telematicamente tramite Entratel o Fisconline i modelli F24 che contengono compensazioni di qualsiasi imposta e di qualunque importo, anche con saldo totale diverso da zero. Fino al 23 aprile, invece, l’obbligo riguardava solo compensazioni superiori a 5 mila euro e le deleghe totalemente compensate con un credito di imposta (importo a zero).

Disposizioni in materia di accise sui tabacchi

È previsto un aumento delle accise sui tabacchi; saranno, infatti, ritoccati gli oneri fiscali minimi con un decreto del Ministero dell'Economia. L'obiettivo è ottenere un gettito su base annua non inferiore a 83 milioni di euro per l’anno 2017 e 120 milioni a partire dal 2018. Aumenta anche il prelievo (Preu) su slot e Vlt al 19%. Dal 1° ottobre 2017 raddoppia anche il prelievo sulla parte della vincita eccedente i 500 euro, la cosiddetta “tassa sulla fortuna”, che passa dal 6 al 12%. 

Rideterminazione della base Ace

L’articolo 7 sancisce alcune modifiche nella determinazione della base Ace per i soggetti Irpef in contabilità ordinaria, in particolare viene disposto che verranno presi in considerazione solo gli incrementi netti del patrimonio degli ultimi 5 esercizi, ovvero quelli dell’esercizio per il quale si effettua il calcolo ed i quattro precedenti, escludendo gli esercizi anteriori a quelli indicati. Quindi se una società determina l’Ace per il 2017, dovrà conteggiare solo le movimentazioni del quinquennio 2013-2017. 

Disposizioni in materia di giustizia tributaria

Tra le novità trattate al Capo II del DL 50/2017 vi è sicuramente la possibilità di accedere alla rottamazione Equitalia chiedendo, entro il 30 settembre 2017, la definizione delle liti tributarie nei confronti dell’Agenzia delle Entrate per le cartelle anche successive al 2016, con il pagamento degli importi contestati entro il 30 giugno 2018.

 

 Per maggiori informazioni potete contattare il nostro Studio, saremo lieti di illustrarvi i dettagli.

Letto 2007 volte

Officina del Business

STUDIO CLARUS per mezzo e con il supporto dell’INCUBATORE D’IMPRESA di CHIE_RETE, è in grado di supportare in tutte le fasi, le idee imprenditoriali e le Startup meritevoli di attrarre interesse.
L’esperienza interdisciplinare che contraddistingue il Team di STUDIO CLARUS, è a disposizione di tutti coloro che hanno la volontà di far decollare le loro idee.

Leggi Tutto

Lavora con noi

STUDIO CLARUS grazie ad un ambiente multidisciplinare, è in grado di offrire uno stage curriculare di indubbio valore; il nostro obiettivo è generare un vero e proprio Training On The Job che costituirà un’occasione di conoscenza diretta delle attività e delle dinamiche tipiche del nostro settore.

Leggi Tutto

Newsletter

Iscriviti

Studio Clarus usa i dati che fornisci al solo scopo di informarti su servizi, novità ed eventi nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 “GDPR”.