Anticipo pensionistico: è arrivato l'APE Social

Il 22 maggio il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto attuativo della cosiddetta “APE social” , la norma che consente ai disoccupati e a tutte le persone che si trovano in situazione di difficoltà, che abbiano compiuto almeno 63 anni, di ricevere un’indennità di natura assistenziale a carico dello Stato, erogato dall’INPS.

Che cos'è l’APE social?

L’APE, acronimo di “anticipo pensionistico”, è un ammortizzatore sociale rivolto a tutte quelle persone in difficoltà economiche, di cui si può beneficiare fino al giorno in cui scatta il pensionamento di vecchiaia da parte dell’INPS. A differenza dell’ "APE volontario", che consiste in un prestito bancario garantito da un’assicurazione privata, l’ "APE social" è totalmente a carico dello Stato. La sua durata massima è di 3 anni e 7 mesi, perciò dal momento in cui l’età pensionabile salirà per tutti a 66 anni e 7 mesi (prossimo anno), l’età minima per accedere all’APE social sarà di 63 anni.
L’APE social viene erogato dall’INPS in 12 mensilità e non è soggetto a rivalutazione. Il suo importo è pari a quello della rata mensile della pensione calcolata al momento dell’accesso, ma non può in alcun caso superare il limite massimo di 1.500 euro lordi al mese.

Quali sono i requisiti per ottenerla?

Potranno richiedere l’APE solo quattro categorie di persone:

- disoccupati che non ricevono alcuna pensione e che hanno finito di percepire, da almeno 3 mesi, la prestazione per la disoccupazione loro spettante.
- persone con disabilità e una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 74%
- persone che assistono da almeno 6 mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con disabilità
- dipendenti che svolgono da almeno 6 anni in via continuativa un lavoro particolarmente difficoltoso o rischioso

Al momento della richiesta, inoltre, è necessario avere i seguenti requisiti :

- avere almeno 63 anni di età
- avere almeno 30 anni di anzianità contributiva; 36 anni per chi svolge attività difficoltose o rischiose
- maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro tre anni e sette mesi
- non essere titolari di alcuna pensione diretta

L’indennità, inoltre, è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa dipendente o parasubordinata soltanto nel caso in cui i relativi redditi non superino gli 8.000 euro l’annui e con lo svolgimento di attività di lavoro autonomo nel limite di reddito di 4.800 euro annui.

Quando fare domanda?

Per tutti i soggetti in possesso dei requisiti il termine ultimo per presentare domanda all’INPS è il 15 luglio 2017.
Inoltre, è stato specificato che la risposta di un eventuale accoglimento o rifiuto dell’istanza da parte dell’INPS dovrà essere ricevuta entro il 15 ottobre 2017.
Le domande presentate oltre il 15 luglio 2017, e comunque non oltre il 30 novembre, sono prese in considerazione esclusivamente se, all’esito del monitoraggio, residuano le necessarie risorse finanziare.
Tutte le persone che raggiungeranno i requisiti nel 2018, invece, dovranno fare domanda entro il 31 marzo 2018.
Secondo le stime del Governo, le persone potenzialmente interessate a questo nuovo ammortizzatore sociale potrebbero essere circa 35 mila, solo nel 2017.

 

Letto 2005 volte

Officina del Business

STUDIO CLARUS per mezzo e con il supporto dell’INCUBATORE D’IMPRESA di CHIE_RETE, è in grado di supportare in tutte le fasi, le idee imprenditoriali e le Startup meritevoli di attrarre interesse.
L’esperienza interdisciplinare che contraddistingue il Team di STUDIO CLARUS, è a disposizione di tutti coloro che hanno la volontà di far decollare le loro idee.

Leggi Tutto

Lavora con noi

STUDIO CLARUS grazie ad un ambiente multidisciplinare, è in grado di offrire uno stage curriculare di indubbio valore; il nostro obiettivo è generare un vero e proprio Training On The Job che costituirà un’occasione di conoscenza diretta delle attività e delle dinamiche tipiche del nostro settore.

Leggi Tutto

Newsletter

Iscriviti

Studio Clarus usa i dati che fornisci al solo scopo di informarti su servizi, novità ed eventi nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 “GDPR”.